I testicoli fanno parte del sistema riproduttivo maschile. Questi organi sono 2, nei maschi adulti normalmente sono un po’ più piccoli di una pallina da golf e sono contenuti all’interno dello scroto. I testicoli hanno 2 funzioni principali: producono gli ormoni maschili (androgeni) come il testosterone e producono gli spermatozoi, le cellule maschili necessari per fecondare una cellula uovo femminile. 

I Sintomi del Tumore al Testicolo

Gli uomini dovrebbero consultare un urologo all’insorgere di almeno uno dei seguenti sintomi:

  • Gonfiore o nodulo indolore a un testicolo
  • Dolore sordo nel basso addome, alla schiena, o all’inguine
  • Dolore o disagio nello scroto o nel testicolo
  • Sensazione di pesantezza dello scroto
  • Raccolta improvvisa di liquido nello scroto.

Fattori di rischio del tumore al testicolo sono:

  • Testicolo non completamente sceso nella sacca scrotale o ritenuto (criptorchidismo)
  • Anomalie congenite dei testicoli, dei reni o del pene
  • Storia di cancro ai testicoli (potrebbero sviluppare il cancro nell’altro)
  • Familiarità genetica: un fratello o il padre ha avuto questa patologia

Diagnosi

1) Marcatori tumorali ematici: alfa-fetoproteina (AFP), beta-gonadotropina corionica umana (b HCG), e lattato deidrogenasi (LDH) possono suggerire la presenza di un tumore testicolare.

2) Ecografia scrotale: può mostrare la presenza e le dimensioni di una massa nel testicolo. E ‘utile anche per escludere altre condizioni, come gonfiore a causa di un’infezione o di una raccolta di liquido non correlata al cancro.

3)Risonanza Magnetica: per valutare più approfonditamente l’entità e l’estensione locale della malattia.

Orchifunilectomia

L’orchifunilectomia è un intervento che si esegue per via inguinale tramite un’incisione di circa 5 cm e consiste nell’asportazione del testicolo e del funicolo spermatico. Al termine dell’intervento, qualora il paziente lo richieda, può essere posta una protesi testicolare in silicone a sostituire il testicolo malato e a occupare lo spazio residuo.

Non esistono metodiche alternative, né per la diagnosi, né per la terapia, in grado di assicurare risultati a lungo termine (>10 aa) superiori a quelli ottenibili con l’orchifunilectomia a cielo aperto. L’intervento si esegue in anestesia spinale/peridurale o generale.

Subito dopo l’intervento, il paziente tornerà in stanza col catetere vescicale senza drenaggi, con accesso venoso per l’infusione di liquidi o terapie. Rimarrà a letto fino al giorno dopo, quando verra' dimesso